lunedì 20 dicembre 2010

Fritto misto

Il fritto misto è sicuramente uno dei piatti piemontesi più celebri. Si può dire che gli ingredienti del fritto misto non sono rigorosamente fissi, e che il piatto si può comporre a seconda dei gusti e delle stagioni, tranne alcuni elementi imprescindibili come gli amaretti, il semolino, la salsiccia e il fegato. La ricetta che riporto è comunque di vecchia data e rispecchia il fritto misto che si è sempre preparato in casa nostra. Consideriamolo pure un secondo piatto... ma è un piatto importante, quasi unico. Nell'astigiano ssi accompagna con una teglia di carote al burro.

INGREDIENTI
Carni:
animella
cervella
filone di vitello
fegato di vitello
fegato di maiale
salsiccia
costolette di agnello
fettine di vitello (da far milanesi)

Verdure:
fettine di melanzana
fettine di zucchini
fiori di zucca (se è stagione)

Varie:
formelle di semolino dolce
amaretti di Mombaruzzo
cappelle di funghi porcini
rane

olio d'oliva
burro
farina
uova
latte
pane grattugiato
sale

PREPARAZIONE
L'abilità più importante richiesta per preparare con successo questo piatto è la conoscenza dei diversi tempi di cottura degli ingredienti, perchè l'ideale sarebbe riuscire a terminare la frittura dei vari componenti nello stesso momento.  Per il resto il procedimento è semplice: si tagliano tutti gli ingredienti a pezzi piccoli, si passano prima nella farina, poi nell'uovo sbattuto e quindi nel pane grattugiato. Ogni pezzo dev'essere poi fritto in abbondanti olio e burro bollenti fino ad essere dorato. Si adagiano infine i pezzi fritti su un piatto di portata molto caldo, si sala e si serve immediatamente. Da abbinare sicuramente con un rosso fermo piemontese, non troppo forte, come ad esempio un buon grignolino.

Nessun commento:

Posta un commento