giovedì 9 dicembre 2010

Il bollito misto alla piemontese

Con il freddo invernale torna la voglia di certi piatti speciali ai quali durante il resto dell'anno non si pensa. Uno di questi è il bollito misto alla piemontese, piatto unico gustosissimo che rappresenta quasi un rituale, più che una semplice mangiata. Tanto più che esiste addirittura una confraternita del bollito misto, che propone tra le altre cose la sua ricetta originale di questo piatto antichissimo. Noi ve ne diamo qui una ricetta un po' più semplificata ma già validissima.






Ingredienti:
Carne di manzo: culatta e spalla
Carne di vitello: punta, testina, lingua, coda
verdure per il brodo: cipolle, carote, sedano, ecc. - sale
Opzionali: mezzo cappone, cotechino, zampone
Salse: bagnet, mostarda, salsa cugnà 

Porre in una grande pentola tutte le verdure lavate e tagliate a grossi pezzi: unire abbondante acqua (logicamente a seconda del quantitativo di carne) e sale. Quando l'acqua bollirà mettere in pentola prima le carni di manzo e poi, dopo circa un'ora, le carni di vitello. Volendo si può aggiungere mezzo cappone o mezza gallina, mettendola in acqua assieme al manzo; se fosse un pollo giovane unirlo contemporaneamente al vitello. Eventuali insaccati (zampone, cotechino, salsicce) vanno lessati a parte e uniti al brodo solo all'ultimo. Al momento di servire disporre le carni su due piatti di portata caldissimi, cospargerle con un poco di sale grosso, versarvi sopra un mestolo di brodo bollente e accompagnarle con le salse.



Se invece volete gustare il bollito al ristorante vi segnalo 4 posti che lo fanno molto bene in Piemonte:
in provincia di Asti, a Moncalvo, il ristorante Il Centrale, per me il numero uno.
A Carrù invece, patria del bue grasso, ci sono 3 ristoranti specializzati nel bollito misto che si contendono il podio, ed è difficile dire quale sia il migliore... bisogna provarli tutti, e sono:
Il Vascello d'oro,  il Moderno e l'Osteria del Borgo.

Nessun commento:

Posta un commento