mercoledì 15 dicembre 2010

Napoleone e il Pollo alla Marengo

La ricetta del Pollo alla Marengo nasce nel giugno del 1800, quando Napoleone ottiene presso Marengo (località del Piemonte) una delle sue vittorie più importanti, sbaragliando l’esercito austriaco.

Narra la leggenda che una volta conclusa la battaglia, Bonaparte ordinò al suo chef, Dunand, di preparare un pasto. I viveri però scarseggiavano, poiché le provviste erano cadute nelle mani degli austriaci. Dunand dovette quindi lavorare d'immaginazione e arrangiarsi con ingredienti di fortuna, inventando con quello che aveva trovato una ricetta a base di pollo e condita con funghi e gamberi di fiume: il futuro “pollo alla Marengo”.
Pare che il piatto, molto apprezzato dal condottiero, venne poi richiesto allo chef dopo ogni battaglia e divenne per Napoleone una specie di protafortuna.

INGREDIENTI
  • 1,2 kg di pollo
  • 200 g di funghi champignon freschi
  • 1 dl di olio extravergine di oliva
  • un bicchiere di vino bianco secco
  • un bicchierino di Madera (o di Marsala secco)
  • un cucchiaio di farina
  • 1 limone
  • un mazzetto di prezzemolo tritato 
  • sale e pepe  

PREPARAZIONE

Tagliate il pollo a pezzi e pulite i funghi. In una pentola piena d’acqua versate 25 gr. d’olio e, quando bolle, versatevi i funghi e fateli cuocere per 10 minuti, unite un pizzico di sale.
Ponete una padella su un fuoco medio con l’olio rimasto e, appena questo sarà caldo, fatevi dorare i pezzi di pollo. Quando avranno preso colore, regolate di sale e pepe e versate nella padella il vino bianco, fatelo evaporare e completate la cottura con coperchio a fuoco basso per mezz'ora. A cottura ultimata togliete quasi tutto il fondo di cottura e mettetelo in un pentolino a fuoco basso.
Aggiungete la farina e il Madera, ottenendo così una salsa liscia e ben legata, eventualmente allungando con un paio di cucchiai d’acqua calda se la salsa risultasse troppo densa, mescolate bene e togliete dal fuoco. Passatela al colino.
A cottura ultimata, unite al pollo i funghi e fate cuocere per un paio di minuti, quindi aggiungete la salsa, versate tutto in un piatto caldo e servite subito, cospargendolo di prezzemolo tritato e succo di limone.

Nessun commento:

Posta un commento